© 2015 Pensieri Confusi di Sabrina Fusi

I contenuti del presente sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia.

  • Sabrina Fusi

Un compito estivo


C’era una volta un tipo distrutto

sentendosi orribile, peggio che brutto,

peggio di un orco odiato e cattivo:

lui era un compito, un compito estivo.

“Quando mi leggono, tutti a inveire

eppure son buono lo devon capire.

Mi han scritto così, non è mia intenzione!

Devo trovare una soluzione.”

“Scrivi sul mare parole seicento,

segna gli avverbi, controlla ogni accento,

i verbi analizza e volgi al passato

e mi raccomando: giammai aiutato!”

Il povero compito ebbe un’idea

con le parole lavora, ricrea:

alla maestra non sarebbe spiaciuto

se alle consegne lui dava un ...aiuto.

“Pensa sul mare e vivilo lento,

osserva ogni onda, assapora il vento,

inventa una storia, ricorda il passato

e mi raccomando: che tu sia aiutato!

Non nel pensare, che quello sta a te,

ma nel raccontare (che bello che è!)

a mamma e parenti, e se non bastasse

amici e compagni della tua classe.”

In riva al mare il giorno dopo

tutti si trovano per quello scopo:

chi guarda le onde, chi ascolta, chi narra,

chi porta merenda e chi una chitarra.

Ci sono i bambini, le mamme ed i nonni,

si scrive, si legge di piovre e di tonni,

di navi stregate, sirene e pirati

di tempi futuri e di tempi passati,

si canta, si balla, si studia e disegna,

chi pensa, chi parla, chi impara, chi insegna.

È come una musica, un suono di orchestra

che arriva alla casa della maestra

che pensa sia strano quel compito al mare

...ma era così che era da fare?

Ma ora che vede quel luogo giulivo

si unisce al gruppo: “Aspettatemi, arrivo!”

È proprio un bel compito, quel compito estivo.

Sabrina Fusi

#compiti #estate #parole

24 visualizzazioni