• Sabrina Fusi

Non ho idee


Dedicato a tutti i ragazzi, perché le idee le hanno. Eccome.

Spesso manca il coraggio e magari la forma, ma non le idee.

E dedicato a tutti voi.

Che un foglio bianco possa essere vissuto come un’opportunità! 😊

Ecco: tre titoli uno più schifoso dell’altro.

Non c’è niente da fare. Non ho idee.

Non mi viene in mente niente.

E sono già passati dieci inutili minuti.

Cosa cavolo avranno da scrivere gli altri?

Prendi la traccia di letteratura ad esempio, il Manzoni.

Che palle il Manzoni.

...no, non è vero!!! Accidenti a me: non è vero!

A me piace Manzoni.

Mi piace il modo in cui si rivolge direttamente a chi legge, mi fa sentire importante. Sembra che stia raccontando proprio a me, e se mi distraggo la storia si perde. Come la storia infinita.

Poi a volte mi fa ridere, cavolo saranno passati duecento anni e mi fa ridere. Mica roba da poco.

Certo dei pezzi sono pallosi, Lucia è stucchevole e Renzo a volte si comporta da perfetto idiota... ma anche nei film dell’orrore i protagonisti non sono dei geni, eppure tutti a vederli!

Poi mi fa sballare quanti lo hanno copiato. Alcuni come omaggio e si capisce subito, altri inconsapevolmente, altri proprio copiato.

Anche Twilight inizia con un “addio ai monti” e con una carrellata dall’alto per poi scendere verso i protagonisti. Bella&Edward featuring Alessandro.

Sì brava. Scrivi che ti piace Manzoni.

Così poi magari il prof te lo fa leggere davanti alla classe e ti risollevi dalla figura di beep quando hai cinquant’anni!

Meglio forse fare quello di attualità.

Ma non mi viene in mente niente. Non ho idee.

Cosa posso dire sulla sicurezza stradale io, manco ho la patente.

Ci hanno insegnato i fondamenti alle elementari, con le macchinine e i segnali di plastica. Ma alle elementari i bambini obbediscono alle regole.

Non si passa con il rosso, si attraversa sulle strisce.

Chissà poi che cosa succede a un certo punto che la gente inizia a fare come cavolo gli pare? Ma non posso mica scrivere in un tema una domanda per la quale non ho risposta!

Quello che mi fa incavolare è che il loro non rispettare le regole mette in pericolo pure me, l’altro giorno ancora un po’ mi mettevano sotto. E io sì che attraversavo con il verde, quindi lui aveva rosso.

Era al cellulare il cretino. Meno male che l’ho visto arrivare.

Dovrebbero prenderli ‘sti criminali e metterli in classe con i bambini delle elementari. Con le macchine di plastica e i telefonini della Barbie, ripartire da zero perché è così che stanno: a zero.

E dovrebbero inserire un po’ di educazione civica nei test della patente. Si ok lo spinterogeno, si ok la partenza in salita, ma pure come ci si comporta. Qui si tratta di vite umane.

Ecco ora ti metti a fare la moralizzatrice, a far le leggi...

Ma questo è un tema, ci vogliono idee.

E io niente da fare. Non ho idee!!!

Vediamo quello di storia.

Garibaldi. I Mille.

Ma cosa scrivo?

Che io ci vado al mare dallo scoglio da cui è partito? Hanno fatto il monumento un po’ più in là, perché c’è uno spiazzo e veniva più comodo. Per arrivare allo scoglio giusto bisogna scendere delle scalette nella roccia e lì c’è solo una stele. Dalla strada però la stella in cima si vede.

Chissà come ci saranno stati così tanti in un posto così scosceso... chissà che affollamento. Tanto segreta questa partenza non può essere stata...

So anche un sacco di nomi, basta un virtual tour delle vie del circondario.

Quattro o cinque anni fa sono stata a Marsala con i miei genitori. Pensa un po’ che roba: stesso identico viaggio! Ma che differenze... e alcuni dei ragazzi erano più piccoli di me, e non sono più tornati.

Ma che cavolo gliene frega al prof di me, delle mie vacanze.

E poi i temi di storia sono sempre pericolosi.

No, no. Per carità.

Non ho idee.

Non ho idee.

Io consegno in bianco.

Poi semmai mi faccio interrogare.

#scuola #pensieri

0 visualizzazioni

© 2015 Pensieri Confusi di Sabrina Fusi

I contenuti del presente sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia.